L’IMPORTANZA DELLA SIMULAZIONE PRE-OPERATORIA NELLA CHIRURGIA ESTETICA​

Una pratica fondamentale per il successo di un intervento di chirurgia estetica, che aiuta il paziente a prendere immediata consapevolezza del suo ‘nuovo’ aspetto, simulandolo accuratamente insieme al proprio chirurgo.

Di Matteo Marino | 20 Gennaio 2021

Di Matteo Marino | 20 Gennaio 2021

Affrontare un intervento di chirurgia estetica non è mai, e non deve essere mai una scelta  troppo semplice, ma necessita anzi di una predisposizione senza la quale risulterebbe complicato agire.

Il presupposto più importante risiede nel paziente, il quale deve essere spinto da una forte motivazione, animato dal desiderio di risolvere un inestetismo che può causare un disagio più o meno importante a seconda dei casi.

A questo si aggiungono numerosi fattori emotivi come la paura dell’intervento, dell’anestesia , del dolore e  soprattutto di quello che sarà il risultato finale, insicurezza il cui compito del chirurgo è quello di affrontare assieme al proprio paziente, al fine di  garantire la massima tranquillità e serenità durante il percorso che lo porterà all’intervento.

Una buona sintonia chirurgo-paziente gioca un ruolo fondamentale ed è assolutamente necessaria al fine di ottenere il miglior risultato possibile.

Proprio per questo motivo, a mio avviso,  ricopre un ruolo fondamentale, quando è possibile, l’esecuzione della Simulazione Pre-Operatoria, una pratica semplice ma essenziale per un duplice aspetto.

Grazie ad essa infatti chi ha deciso di sottoporsi all’operazione sarà in grado di comprendere, definire e comunicare  chiaramente i propri desideri, di eliminare qualsiasi dubbio e di prendere consapevolezza fin da subito di quale potrà essere il suo ‘nuovo’ aspetto.

Dall’altro lato anche il Chirurgo sarà così in grado di comprendere più facilmente quali siano le aspettative del paziente, e potrà così accompagnarlo e indirizzarlo verso la soluzione più adatta che rispetti i criteri di armonia e proporzione.

Per queste ragioni è per me fondamentale suddividere la visita pre-operatoria in due momenti.

Durante il primo incontro è essenziale definire attraverso un dialogo chiaro e trasparente le possibili strategie chirurgiche, ponendo massima attenzione sulle diverse tecniche operatorie, su come prepararsi all’intervento e su come gestire il decorso post-operatorio.

A questo segue un secondo incontro pochi giorni dopo il primo, dove sarà possibile rispondere ad ogni minimo dubbio del paziente e soprattutto verrà elaborata la Simulazione Pre-Operatoria, al fine di aprire un nuovo canale di comunicazione tra aspettative del paziente e il progetto del chirurgo.

In Cosa Consiste la Simulazione?

Gli esempi possono essere molteplici e dipendono ovviamente dalla tipologia di intervento richiesto. Le simulazioni che vengono maggiormente richieste riguardano l’intervento di Mastoplastica Additiva per l’aumento volumetrico del seno e la Rinoplastica per il rimodellamento del naso.

Durante la simulazione di un intervento di mastoplastica additiva la paziente prende coscienza che l’intervento non consente solamente un miglioramento della forma del seno, ma contribuisce a ricreare una nuova armonia e proporzione a tutto il corpo. Stessa cosa accade durante una simulazione di rinoplastica grazie alla quale è possibile osservare come a volte anche piccoli cambiamenti del naso regalino un maggior eleganza ,armonia e proporzione a tutto il viso.

Lasciare libero spazio alla soggettività del chirurgo non è contemplato e non deve accadere, ma serve consapevolezza da entrambe la parti affinché il paziente condivida pienamente le strategie e i progetti del chirurgo e viceversa il Chirurgo comprenda a pieno i desideri e le aspettative del paziente , unica via grazie alla quale diventa possibile ottenere i migliori risultati.

Simulare la Mastoplastica Additiva

Questo intervento consente  di aumentare il volume del seno grazie all’utilizzo di protesi mammarie di ultima generazione in gel di silicone, col fine ultimo di donare nuove proporzioni e restituire una nuova femminilità e benessere alle pazienti.

In questa operazione vanno però considerati molteplici aspetti che dipendono fondamentalmente dalla conformazione anatomica del corpo di ogni paziente, che è unica e individuale; ogni paziente infatti dovrà identificare le protesi più adatte alle proprie esigenze, in termini non solo di volume, ma anche di forma, proiezione e consistenza.

L’unico modo possibile per azzerare tali discriminanti consiste nell’effettuare test concreti sul corpo, ricreando con uno speciale sizer inserito sotto la maglietta le possibili forme e dimensioni del seno dopo l’operazione.

In tale processo si parte tendenzialmente da una misura minima, per poi aumentarla in modo graduale con tante piccole prove fino a raggiungere il perfetto bilanciamento armonico delle forme, volto a soddisfare i desideri della paziente e risaltarne al massimo l’estetica.

Una volta identificata assieme allo specialista la soluzione ideale, la paziente sarà a quel punto consapevole di quello che potrà essere il risultato terminato l’intervento, potendo affrontare lo stesso con la massima serenità e tranquillità.

Allo stesso tempo il Chirurgo potrà così comprendere i reali desideri della paziente, per poi poterli riprodurre fedelmente in sala operatoria.

Simulare la Rinoplastica

Questo tipo di intervento consente invece di correggere difetti estetici del naso e contestualmente migliorare, se necessario, la funzionalità respiratoria intervenendo sul setto nasale e sui turbinati.

Quando si affronta un’operazione di questo tipo è altresì importante, come nel caso precedente, riuscire a soddisfare le esigenze del paziente dando comunque un’idea chiara e definita allo specialista del risultato desiderato.

Il volto rappresenta il nostro biglietto da visita, il modo in cui percepiamo noi stessi e siamo percepiti dagli altri, e proprio per questo tutti gli interventi estetici che lo coinvolgono sono estremamente delicati e importanti. A tal proposito, una simulazione pre-operatoria del risultato finale diventa dunque essenziale per definire la correttezza della strategia chirurgica

In questo caso è impossibile mimare il risultato finale con una simulazione fisica, ma entra in gioco un software in grado di modificare con grande minuziosità ogni aspetto del naso della persona a partire da una serie di foto.

Grazie ad un confronto tra paziente e Chirurgo si testano numerose correzioni, fino a trovare il corretto bilanciamento tra fattibilità e desideri, in modo da ricreare un profilo armonico, naturale e proporzionato del viso del paziente.

La simulazione consente al paziente di comprendere quali sono gli aspetti del proprio naso che meritano di essere corretti e di valutare come questi cambiamenti possano impattare sull’estetica non solo del naso ma del viso intero, permettendo allo stesso di visualizzare quale potrebbe essere il risultato desiderato e cominciare ad abituarsi a questo.

La Simulazione è una Garanzia di Sicurezza

Quando decidi di sottoporti ad un intervento di chirurgia estetica, l’attenzione per ogni minimo dettaglio è fondamentale, ma l’aspetto psicologico ricopre un ruolo altrettanto importante, poiché la determinazione di noi stessi passa necessariamente attraverso il modo in cui appariamo ai nostri stessi occhi.

Un intervento di chirurgia estetica è in grado di correggere disagi anche importanti e spesso  contribuisce a migliorare il rapporto con il proprio corpo e ad accrescere la fiducia in sé stessi.

Una delle parti più belle del mio lavoro è proprio questa, poter leggere la gioia e la soddisfazione negli occhi dei miei pazienti dopo l’intervento e capire che finalmente sono riusciti ad esaudire il deriderio di piacersi.

Soltanto seguendo una serie di fasi, instaurando una relazione di rispetto e fiducia reciproci tra medico e paziente attraverso il dialogo e la comprensione, si possono ottenere i migliori risultati nella chirurgia estetica.

La Simulazione gioca un ruolo determinante all’interno di questo processo e consente a chiunque voglia sottoporsi ad un intervento, di assumere piena e totale consapevolezza dei propri desideri, dei risultati ottenibili, di poter discutere e concordare assieme  al proprio chirurgo il progetto di trasformazione migliore.

L’equilibrio tra tutte le parti è fondamentale in questo lavoro, affinché l’armonia e la bellezza dell’intero processo di cambiamento giungano a pieno compimento con la grande soddisfazione sia del paziente che del chirurgo.

Share on facebook
Share on whatsapp

Dott. Matteo Marino, specialista in chirurgia estetica     392-4661103 – P. IVA: 04281740961 – Privacy PolicyCookie Policy

Home