Palpebre

BLEFAROPLASTICA

La chirurgia estetica delle palpebre prende il nome di blefaroplastica e comprende tutti gli interventi chirurgici volti alla correzione di eventuali difetti estetici e all’eliminazione dei segni del tempo del distretto oculopalpebrale. E’ possibile intervenire accuratamente sulle occhiaie, sulle borse di grasso e sulle palpebre superiori cadenti, migliorando la fisionomia e l’aspetto esteriore del viso.

L’importanza di uno sguardo riposato

Se gli occhi rappresentano lo specchio dell’anima la blefaroplastica più di ogni altro intervento estetico raggiunge risultati importanti nel miglioramento dello sguardo e del volto. Il chirurgo grazie a questo intervento è in grado di rimuovere la cute e il grasso in eccesso presente nelle palpebre, donando al viso del paziente una nuova e ritrovata freschezza e giovinezza.

Quando sottoporsi all’intervento di blefaroplastica

Generalmente i pazienti che si sottopongono agli interventi di blefaroplastica rientrano in una fascia di età compresa tra i 40 e i 60 anni. In alcuni casi si può richiedere un intervento estetico delle delle palpebre anche in età più giovane, per ridurre problematiche riguardanti borse di tipo congenito o ereditario, oppure oltre i 65 anni nel caso si sia verificato un abbassamento delle palpebre superiori tale da comportare una importante riduzione del campo visivo.

Le tecniche operatorie e l’anestesia

Gli interventi di blefaroplastica possono essere eseguiti sia sulle sole palpebre superiori che congiuntamente a quelle inferiori.
L’intervento consiste nell’incidere la cute lungo la piega naturale delle palpebre superiori e lungo quella ciliare inferiore. La cute in eccesso superiore e gli accumuli adiposi delle borse vengono asportati e questo comporta rispettivamente un ampliamento del campo visivo e un ringiovanimento dello sguardo e del volto.

Essendo l’area sottoposta al trattamento ridotta e superficiale gli interventi di blefaroplastica sono eseguiti in anestesia locale con sedazione del paziente. In questo modo anche gli eventuali disagi connessi alle infiltrazioni dell’anestetico vengono eliminate.

La cicatrizzazione

La zona perioculare è in grado di guarire velocemente e questo fa sì che l’intervento di blefaroplastica non lasci cicatrici visibili, inoltre il chirurgo procede con le incisioni necessarie in aree nascoste della palpebra, lungo le pieghe della pelle.
A seguito all’intervento di blefaroplastica i punti di sutura vengono coperti con dei cerotti. Dopo 5 giorni dall’operazione si procedere alla rimozione dei punti e, anche in questo caso, alla copertura con dei cerottini.
La durata dell’intervento di blefaroplastica, considerando tutte e quattro le aree da trattare, è di un’ora e mezza circa e il paziente può generalmente tornare a casa in serata.

Palpebre

Decorso post operatorio

La blefaroplastica non è un tipo di intervento che provoca dolore e solitamente il paziente dopo l’intervento accusa solamente una lieve tensione nella zona palpebrale e un modesto gonfiore che può protrarsi per circa 4 o 5 giorni. I punti di sutura vengono rimossi già dopo 5 o 6 giorni dall’intervento. Fin dal terzo giorno è possibile riprendere le proprie attività quotidiane, e a sette l’attività lavorativa.

In seguito alla blefaroplastica è possibile esporsi al sole, ma nei primi due mesi si consiglia di utilizzare una crema protettiva a schermo totale e degli occhiali da sole che proteggano l’area.

I risultati

I risultati della blefaroplastica sono definitivi dopo 3 o 4 mesi dall’operazione, quando le cicatrici scompaiono in modo definitivo e non necessitano più di essere nascoste con un make-up adeguato.

Per ottenere risultati ancora più visibili, illuminare lo sguardo e ringiovanire la parte superiore del volto l’intervento di blefaroplastica può essere associato ad altri trattamenti come il lifting temporale o il lipofilling, o a trattamenti più soft con infiltrazioni di tossina botulinica e acido ialuronico.

SCARICA
IL CONSENSO
INFORMATO

FAQ

A che età ci si sottopone ad un intervento di blefaroplastica?

Non esiste un’età consigliata per sottoporsi all’intervento. Si decide di sottoporsi a questo intervento per combattere i segni del tempo, oppure per correggere problemi di riduzione del campo visivo. Generalmente l’età dei pazienti rientra in una fascia di età fra i 40 e i 60 anni.

Quale cicatrici evidenti lascia intervento di blefaroplastica?

La blefaroplastica interessando una zona particolarmente delicata, perciò in chirurgo procede con piccole incisioni in aree nascoste della palpebra, lasciando micro cicatrici che vengono coperte dalla pelle della rima palpebrale.

L’intervento di blefaroplastica può compromettere la vista?

No. La blefaroplastica non incide sulla funzione dell’occhio, ma interviene sulla correzione cutanea della palpebra in alcuni casi può migliorare il campo visivo.

È consigliato a chi indossa occhiali e lenti a contatto?

Gli occhiali possono essere indossati subito. Mentre, per indossare le lenti a contatto sarà necessario aspettare la completa cicatrizzazione delle palpebre