Attualmente sei su:

Addominoplastica

Addominoplastica

CHIRURGIA DELL’ADDOME
(ADDOMINOPLASTICA)

L'addominoplastica è l'intervento di chirurgia estetica che garantisce i risultati più efficaci nei pazienti che manifestano la necessità di rassodare la pelle dell'addome, rimodellare la zona del basso ventre e definire il punto vita.
Durante un intervento di addominoplastica inoltre il chirurgo può procedere anche alla correzione di altre problematiche di tipo funzionale a carico della parete muscolare addominale, come ad esempio la diastasi dei muscoli addominali, ernie addominali o ancora laparoceli, fenomeni che possono manifestarsi nel periodo successivo al parto e non rientrare nei parametri di normalità in modo spontaneo.


Quando sottoporsi all'intervento di addominoplastica

Il paziente che si sottopone ad un intervento di addominoplastica gode di buona salute ma presenta nell'area addominale un eccesso di tessuto adiposo e cutaneo, spesso causato da un dimagrimento troppo rapido, che non migliora nemmeno praticando esercizio fisico quotidiano.


addominoplastica


Ritrovare tonicità

L'aspetto poco tonico alle volte è dovuto al cedimento dei muscoli retti addominali o nelle donne a causa del loro mancato riposizionamento dopo la gravidanza.
Queste situazioni possono essere risolte con un intervento chirurgico di addominoplastica che vada a ridefinire il giro vita, a ripristinare la tonicità dei tessuti e a riposizionare i muscoli addominali migliorando efficacemente la normale linea corporea.


Anestesia

Nella maggior parte dei casi l'addominoplastica è un intervento eseguito in anestesia generale e solo in caso di mini-addominoplstica, dove si procede con un trattamento limitato, è possibile effettuare un'anestesia locale con sedazione.


La tecnica chirurgica nell'addominoplastica

I tempi di un'operazione di addominoplastica possono variare da un'ora e mezza e tre ore. Vengono effettuate due incisioni, una nella zona sovra pubica che si estende fino alle creste iliache, l'altra invece a livello dell'ombelico. In questo modo è possibile effettuare un lifting adeguato alla parete addominale e allo stesso tempo intervenire correggendo la fascia muscolare. Le incisioni permettono di asportare la pelle e l'adipe in eccesso tra la zona pubica e l'ombelico e di rimuovere anche le eventuali smagliature presenti o le cicatrici derivate da altri interventi.


addominoplastica


I benefici

L'addominoplastica risulta molto utile anche per avvicinare a livello mediano i muscoli addominali allontanatisi a causa di una gravidanza o di altre operazioni. Questa tecnica estetica permette di modellare l'addome e lo rende più funzionale, assicurando al paziente un senso di benessere in seguito all'intervento.


Le cicatrici

E' bene ricordare che l'addominoplastica determina due cicatrici, una orizzontale sopra il pube e una nella zona interna dell'ombelico, collocate in modo da essere nascoste da uno slip. Subito dopo l'intervento le cicatrici appariranno di colore rosso, mentre si schiariranno via via con il passare dei giorni, mimetizzandosi con la pelle che le circonda.


Dopo l’operazione di addominoplastica

Dopo l'intervento di addominoplastica, per contenere e favorire l'adattamento dei tessuti, sull'area trattata viene applicata una speciale medicazione di tipo elastico, che viene poi sostituita in fase di dimissioni da una più leggera e da una guaina.
La guaina compressiva va indossata durante tutto il primo mese dall'intervento in quanto favorisce una guarigione più rapida dei tessuti, una riduzione del gonfiore e delle possibilità di sviluppare sieromi addominali. Questa guaina protegge la parete addominale ricostruita e la muscolatura da eventuali sollecitazioni, anche se per i 30 giorni successivi all'addominoplastica è bene evitare sforzi.


Possibili sintomi post intervento

Nei primi giorni dall'intervento si prescrive al paziente una terapia a base di antibiotici e si consiglia di riposare a letto, in quanto la temperatura potrebbe salire leggermente intorno ai 37 – 37,5°C e si potrebbero accusare un certo indolenzimento e un fastidio all'addome.
I drenaggi vengono tolti dopo 3 giorni dall'intervento, dopo una settimana si procede invece con una medicazione per controllare lo stato del paziente e dopo due settimane è possibile anche rimuovere i punti di sutura. Anche le ecchimosi scompaiono in circa 2 settimane dall'addominoplastica.
E' bene ricordare che, a causa del normale edema post-operatorio, il paziente può notare un gonfiore all'addome.


I risultati

I risultati dell'intervento sono infatti visibili completamente dopo diverse settimane e per accelerare il decorso si consiglia un ciclo di massaggi linfodrenanti oppure dei trattamenti di radiofrequenza.
Le cicatrici devono essere assolutamente protette dall'esposizione solare per 6 mesi dall'intervento.

ADDOMINOPLASTICA
Tipologia intervento

ANESTESIA PERIDURALE
Durata intervento

60 MINUTI
Degenza

1 GIORNO
Ritorno al sociale

2 -3 SETTIMANE

Le complicazioni

Per questo tipo di intervento chirurgico le complicazioni sono generalmente rare e riguardano prevalentemente sanguinamenti, contusioni, sieromi, infezioni e problematiche legate alla cicatrizzazione:

Ematoma

generalmente si evidenzia nelle 12-24 ore successive all'intervento, i drenaggi contribuiscono a ridurne la presenza.

Sieroma

termine con il quale si identifica il liquido sieroso che si accumula tra la parete addominale e la cute. Si presenta nei pazienti in sovrappeso e viene eliminato facendo fuoriuscire il liquido dalla zona incisa chirurgicamente.

Necrosi cutanea

si verifica raramente ma in alcuni casi è presente nel caso di pazienti fumatori e negli interventi di addominoplastica di una certa rilevanza. Necessita di una medicazione continua almeno ogni giorno e per alcune settimane dopo l'intervento. Ritarda la guarigione e incide sulla qualità delle cicatrici.

La visibilità delle cicatrici cutanee

dipende dalla zona trattata, dall'attenzione prestata dal chirurgo durante le suture e dalla risposta fisiologica della cute. Generalmente le cicatrici sono minime e poco visibili.

Cicatrici ipertrofiche

(di colore tendente al rosso e in rilievo): si sviluppano con prevalenza nei pazienti con una cute eccessivamente reattiva, oppure quando vi è un'infezione in corso nella ferita. Questi fenomeni devono essere curati con creme e prodotti specifici prescritti dal medico e, nei casi più importanti, con delle infiltrazioni di cortisone.


addominoplastica


LA MINI-ADDOMINOPLASTICA

Il 30% dei pazienti presenta la necessità di correggere gli inestetismi addominali nella zona sottostante l'ombelico, dove si deposita un eccesso di adipe e di cute ed è visibile un rilassamento della parete muscolare addominale.
Per questi pazienti l'intervento di addominoplastica tradizionale è una soluzione esagerata rispetto alle necessità e al tipo di inestetismo, mentre la liposuzione con conseguente aspirazione dell'adipe in eccesso non risulta sufficientemente efficace.


Un intervento meno invasivo

La miglior soluzione è rappresentata invece da una mini-addominoplastica, meno invasiva dell'addominoplastica ma più valida della liposuzione.
L'intervento di mini-addominoplastica prevede una sola cicatrice, non coinvolge la zona dell'ombelico e garantisce tempi di convalescenza più rapidi.
Questa nuova tecnica di chirurgia estetica volta a risolvere gli inestetismi della zona addominale può anche essere abbinata alla lipoaspirazione o liposuzione dell'adipe in eccesso.

FAQ

Che tipo di anestesia viene fatta con l’addominoplastica?

Ad un paziente che si sottopone ad un intervento di addomionoplastica, oggi viene fatta un’anestesia peridurale con sedazione profonda. In questo modo si evita l’anestesia generale molto più invasiva, ed un recupero più veloce subito dopo l’intervento.

Quanto durano i risultati dell’addominoplastica?

I risultati pur essendo di lunga durata, necessitano un regime alimentare corretto e una pratica sportiva adeguata.

Dopo l’addominoplastica, una donna può rimanere incinta?

Certamente. L’addominoplastica implica un intervento solo sulla la porzione cutanea ed adiposa dell’addome, gli organi interni non vengono minimamente toccati.

Le cicatrici dell’addominoplastica sono visibili?

La cicatrice dell’addominoplastica è situata sopra il pube ed è unica e sottile. Se ben eseguita si confonderà con la piega naturale del corpo in modo da non essere visibile.

Non ci sono prodotti corrispondenti alla selezione.